.

.

giovedì 10 novembre 2016

Sortilegio d'Amore

Spesso ci crucciamo di non siamo felici , magari perchè non abbiamo lavoro o per il denaro che non è mai sufficiente. Nonostante si tratti di aspetti materiali della vita, non possiamo certamente far finta che non siano importanti ed alla base di una stabilità e serenità interiore ma la cosa che ci può riempire il cuore di gioia, in cui possiamo sentirci completi, rimane pur sempre l’amore. Possiamo lagnarci di qualsiasi cosa , ma se manca l’amore ci sentiamo persi e soli.

Proprio per questo oggi vorrei presentarti un Sortilegio d'Amore per attirare l’amato, o il marito/fidanzato che non ti ama più e che rivolete. Questo, come ogni sortilegio ha bisogno di tutta la vostra volontà, e della convinzione che esso funzioni: il pensiero positivo infatti rimane sempre l’ingrediente segreto per la riuscita di ogni Incantesimo e Rituale.

Occorrente :

  • 3 metri di nastro bianco
  • 2 Forbici
  • Calamita
  • Un sacchettino
  • Filo bianco
  • Una moneta spagnuola ( per via della croce incisa sulla moneta)
  • Talismano di Venere (per rafforza il rituale)

In un venerdi di Luna Crescente prendi il nastro bianco e con esso fai sette nodi, pensando intensamente all' obiettivo da raggiungere. Una volta fatti, infila tra essi le forbici aperte a mo’ di spade. Prendi poi la calamita e mettila nel sacchettino con la moneta spagnola e il talismano di Venere .Sistema il sacchettino al centro delle forbici, annodalo ad esse per sette volte con un filo bianco.Il sacchettino dovrà essere legato a sua volta per sette volte alla cintura del fidanzato/marito: questo avrà il potere di non soddisfare i desideri carnali del proprio partner, se non con voi.
Attenzione: il marito/fidanzato non dovrà ASSOLUTAMENTE sapere dell’effetto del sacchettino poichè nel momento in cui sa, perde il suo potenziale.

Nel caso in cui desidererai annullare il sortilegio, basterà tagliare i nodi, dicendo:

“Io libero Nome Cognome
dall’incantesimo che i nodi
la croce e la medaglia
operavano su di lui
e al tal fine lo taglio e lo distruggo”.